Archivi tag: attribuzione

Caravaggio a Brera

caravaggio-tolosa_3

La Giuditta di Tolosa è sbarcata a Brera per un bellissimo incontro tra opere che consentono un raffronto tra un autografo del Caravaggio e alcune copie da lui scaturite. A parte tutte le critiche e le polemiche, l’operazione in se costituisce un precedente importante per una esplicita comparazione dal vivo di capisaldi del Seicento. Continua a leggere


Caravaggio è di scena a Tolosa

giuditta tolosa 1

Non si è ancora spenta l’eco per la ritrovata Maddalena che di nuovo Caravaggio si ritrova al centro delle cronache. Questa volta la storia ha inizio in Francia, a Tolosa.

Nel 2014, nel bel mezzo dei lavori di ristrutturazione a seguito di perdite d’acqua, una preziosa tela è stata ritrovata alle spalle di un armadio (o in un sottotetto come altri articoli citano). Della scoperta però si è taciuto fino a qualche giorno fa, quando è arrivata agli onori della stampa. Continua a leggere


La “rinascita” di Vermeer

Giovane donna con bicchiere di vino - Herzog Anton Ulrich Museum, Braunschweig

Giovane donna con bicchiere di vino – Herzog Anton Ulrich Museum, Braunschweig

La passione per Vermeer è esplosa ai più, qualche anno fa quando è stato pubblicato il romanzo “La ragazza con l’orecchino di perla” di Tracy Chevalier e da cui è stato poi tratto anche un film. Oggi con la mostra di Roma, Vermeer viene visitato da copiose file di ammiratori che si accalcano con arroganza davanti alle opere, perlopiù a quelle che recano la sua firma. Continua a leggere


Io e Caravaggio

È il 10 maggio del 1610, sulla feluca “Santa Maria di Porto Salvo” diretta a Genova, viene imbarcato anche un dipinto per Marcantonio Doria, un nobile giovane ed appassionato per le arti, uno che Caravaggio lo ha conosciuto cinque anni prima, proprio in quel di Genova, dove il lombardo si era recato per ricevere delle commissioni. Michelangelo Merisi in quel tempo è a Napoli, coinvolto come sempre in risse e zuffe. Continua a leggere


Una bella principessa

In questo momento storico in cui l’Italia si trova a dover fare i conti con tutti i suoi problemi e con il suo calo di protagonismo agli occhi del mondo, c’è un italiano solo che riesce a tenere alto il nome del nostro Paese, è Leonardo, Leonardo da Vinci che poi in fondo in fondo mantiene alto il suo nome che solo a seguire poi si associa al nostro paese e non viceversa. A Londra, alla National Gallery è stata allestita una bella mostra di sue opere (per la precisione sette dipinti e una cinquantina di disegni) che richiama un numero infinito ed ininterrotto di spettatori, pare che i biglietti esauriti già da molto tempo siano perfino in vendita al mercato clandestino con prezzi da capogiro. Continua a leggere