Di Natale, delle feste e di altre cose

nataledef
Quando si era piccoli il Natale ci sembrava più bello. Stavamo tutti noi cugini da un lato e i grandi dall’altro. Eravamo tutti più o meno coetanei a due a due per cui si creavano delle giuste associazioni senza che nessuno ne fosse escluso.
Che per noi che stavamo dall’altro lato, arrivava da mangiare a iosa e per i regali poi il sorteggio. Che ci divertivamo come pazzi e che parlavamo di tutto, sopra i massimi sistemi dei bambini di qualche tempo fa.
Poi c’era l’ora dei dolci e allora noi che stavamo dall’altra parte ci spostavamo nella stanza dei grandi e giù tutti a ingozzarsi di zuccheri, pastaralle e dolci della tradizione. Quelli non possono mancare mai: struffoli, pastiere, roccocò e mostaccioli.

E poi però di anni ne sono trascorsi ed ora è difficile metterci tutti insieme, siamo in tanti, siamo troppi e poi ci sono i nuovi bimbetti e le altre famiglie.
Prima ci sembrava più spensierato e rilassato, ma forse era solo perché stavamo nella stanza dall’altro lato.
Anche i regali erano un poco più ambiti, ne avevamo di meno durante l’anno e quelli di Natale li aspettavamo da tempo. E poi per un po’ lo abbiamo atteso e ci abbiamo creduto per davvero a quel vecchio vestito di rosso con la barba bianca. Speravamo che esaudisse tutti i nostri desideri ed anche quelli dei bambini più poveri, per quelli erano destinate sempre le ultime righe nelle nostre letterine.

Oggi Babbo Natale ancora una volta esaudisce i desideri dei bimbetti che sono un po’ più hig-tech di noi, ma restano pur sempre bimbi capaci di stupirsi e innamorarsi delle piccole cose e degli inverni freddi che fanno strada al vecchietto con il cappello rosso che li sorprende ad ogni Natale. Ed è solo per loro che i nuovi Natali ci appaiono ancora piacevoli e che la noia è schiacciata dai loro giochi. Ed è bello vederli ancora (per poco!) intimorirsi alla mezzanotte e stringersi forte e a te quando bussano alla porta e ad entrare è il vecchio fintamente panzuto, col vestito rosso e la barba spelacchiata. Loro lo aspettano per ore, per tutta la giornata, sforzandosi oltremodo di non dormire e resistere bravi bravi fino all’ultimo secondo. Ma si sa, è Natale e si è tutti più buoni.

Annunci

Informazioni su lois

https://assolocorale.wordpress.com Vedi tutti gli articoli di lois

12 responses to “Di Natale, delle feste e di altre cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: