Ma fratelli di chi?

Ma di chi vi sentite fratelli? Con la vostra arroganza e con le vostre piazzate di chi vorreste essere fratelli? Siamo in un Paese allo stremo, senza una stabilità, in crisi permanente da anni e l’unica cosa che vi sembra lecita è quella di entrare in un tribunale e farvi paladini della giustizia? Voi che della giustizia ne avete fato una pezza. Voi (tutti) che vi fate forti delle vostre immunità. Voi che avete reso la giustizia NON più uguale per tutti? Voi che l’inno lo avete cantato solo allo stadio?

Noi non siamo fratelli di chi per anni ha rubato e neppure di chi per anni, pur non avendo rubato, ha fatto finta di non vedere gli illeciti del proprio vicino. Noi non siamo fratelli di quelli che hanno rimandato giorno dopo giorno decisioni importanti, di chi è andato in Parlamento solo quando ne aveva voglia, garantendosi però stipendio e privilegi che noialtri non conosciamo.

I nostri fratelli sono quelli che ogni giorno si battono per avere una vita normale; quelli che ogni giorno escono di casa alla buon’ora per garantire una vita dignitosa alla propria famiglia e che pur avendo difficoltà in questi giorni scuri, non rubano, non oltraggiano lo Stato e non si trincerano dietro le loro furbizie. Noi siamo fratelli di chi nella giustizia ci crede. Noi siamo fratelli nella Democrazia, nel rispetto verso tutti e nella gentilezza, nella cortesia e nella solidarietà. Noi siamo quelli che rispettano le leggi e che credono ancora che l’Italia possa rinascere solo cacciandovi via tutti.

Annunci

Informazioni su lois

https://assolocorale.wordpress.com Vedi tutti gli articoli di lois

31 responses to “Ma fratelli di chi?

  • penna bianca

    Sono d’accordo con te Lois, in tutto. Non sono fratelli miei e nemmeno vorrei mai averli.

    Mi piace

  • in fondo al cuore

    Ci riusciremo mai????? Buona serata Lois!

    Mi piace

  • Lia

    Gente senza dignità!Consentimi di citare Giovanni Falcone!
    “Per vent’anni l’Italia è stata governata da un regime fascista in cui ogni dialettica democratica era stata abolita. E successivamente un unico partito, la Democrazia cristiana, ha monopolizzato, soprattutto in Sicilia, il potere, sia pure affiancato da alleati occasionali, fin dal giorno della Liberazione. Dal canto suo, l’opposizione, anche nella lotta alla mafia, non si è sempre dimostrata all’altezza del suo compito, confondendo la lotta politica contro la Democrazia cristiana con le vicende giudiziarie nei confronti degli affiliati a Cosa Nostra, o nutrendosi di pregiudizi: “Contro la mafia non si può far niente fino a quando al potere ci sarà questo governo con questi uomini”.

    Mi piace

    • lois

      È una triste, amara verità cara Lia. Giovanni Falcone (e con lui Borsellino) ha avuto il coraggio di mettere alla berlina tutto lo schifo e la connessione che fonde il doppio potere, quello statale e quello mafioso! Oggi più che mai, credo che il suo martirio abbia scosso solo le coscenze delle persone umili e rispettose delle istituzioni.
      Oggi nel 2013, non possiamo più tollerare questo schifo! Non più.

      Mi piace

  • tramedipensieri

    Che ti devo dire…c’è solo da vergognarsi per loro. Quasi.
    Permettimi una battuta: c’era più botulino su quei gradini che in una fabbrica di mascarpone.
    (cit.)

    La giustizia è uguale per tutti.
    Per chi sta fuori e per chi sta dentro.
    Ma questi sono fuori dal …..mondo!

    buona serata
    .marta

    Mi piace

  • Soliloquio in compagnia

    Non fu mai detta cosa più giusta!!! Potessero smuovere qualche coscienza queste parole… il fatto è che se anche venissero sentite da chi di dovere verrebbero comodamente ignorate.

    Mi piace

  • (ri)Sorgere | Lia's corner

    […] Lois il tuo post  ha infiammato il mio cuore!!!! […]

    Mi piace

  • Cam Ramsay

    Se avessi avuto un fratello e l’avessi visto in quella foto, gli avrei fatto vedere le stelle. Non le cinque stelle, proprio le stelle, quelle incandescenti.

    Mi piace

  • lpiersantelli

    Lois, un articolo giusto e realistico che rimarca puntualmente la distanza tra la classe politica e la vera società civile…complimenti!

    Mi piace

  • edp

    que se vayan todos.

    Mi piace

  • arte64

    Il problema è con chi sostituirli.

    Mi piace

    • lois

      Che se possibile è un problema ancora più grosso! Ma di fronte a questo scempio proprio non ci sto! Nessuno si salva ma o ci autogoverniamo e non è possibile, oppure buttiamo tutti e tutto per aria. A queste condizioni non ci sto!

      Mi piace

  • mondidascoprire

    Io penso che dobbiamo pensare in termine di persona e non in termini di idee politiche , sociali ed economiche. Ripartire dalla persona significa ridare valore a ció che fonda la persona , i suoi diritti , la sua libertá , la sua natura e aspirazione. La sostituzione delle persone puó essere una soluzione ma è necessario che si riconosca che non basta il mercato e lo Stato , ma ci vuole la persona con la sua creatività, con la sua solidarietà e sussidiarietà alla vita comune di tutti. E per questo ciascuno nel proprio piccolo si puó attivare .

    Mi piace

  • mondidascoprire

    Io penso che dobbiamo pensare in termine di persona e non in termini di idee politiche , sociali ed economiche. Ripartire dalla persona significa ridare valore a ció che fonda la persona , i suoi diritti , la sua libertá , la sua natura e aspirazione. La sostituzione delle persone puó essere una soluzione ma è necessario che si riconosca che non basta il mercato e lo Stato , ma ci vuole la persona con la sua creatività, con la sua solidarietà e sussidiarietà alla vita comune di tutti. E per questo ciascuno nel proprio piccolo si puó attivare e diventare un collaboratore politico perchè quando ci si apre alla piccola comunitá che ci circonda si arriva a quella più grande e grande. Questo è movimento che edifica e non contesta e basta.

    Mi piace

    • lois

      La persona in primo piano come in un nuovo Umanesimo, ma purtroppo per lo mezzo c’è il mercato, c’è l’economia…

      Mi piace

      • mondidascoprire

        Ti dico , nel mio paese insieme agli amici portiamo i pacchi alimentari a famiglie povere , in collaborazione con il comune abbiamo avviato l’aiuto allo studio gratuito per tutti che si tiene in Biblioteca comunale e che coinvolgono i ragazzi e tutor sempre ragazzi. Noi siamo un esempio di cittadinanza attiva e con la collaborazione delle mamme portare avanti altr iniziative insieme, cosi si amplia la comunitá e l’azione. Lo stato non puó sostenere tutto, la solidarietà e sussidiarietà è mettere al centro della vita la persona e non il tornaconto e quindi il mercato.

        Mi piace

      • lois

        Sull’aiuto e la solidarietà non metto bocca, lo faccio anche io in prima persona ed ho una sorella che fa assistenza ai bambini di strada di Casoria (un comune completamente disastrato a pochi passi da Scampia). Il problema è che qui non si parla dei microcosmi, ma del macro, ed in un Paese di sessanta milioni di abitanti, non può non esserci una democrazia verticistica in grado di governare e disporre la vita quotidiana di milioni di persone. La solidarietà può aiutare (e nel nostro piccolo se ciascuno è solidale, vivremo in un mondo più sereno e felice), ma in una dimensione nazionale non può sostituirsi ad un governo, può affiancarlo.

        Mi piace

  • ilmiosguardo

    Sorella dei primi? Giammai!
    Mi suscita vergogna e indignazione il solo pensiero di esser ritenuta tale…

    Sorella dei secondi, senz’altro! Condividendo le fatiche e le difficoltà di una vita “normale” (e con stipendi “normali”) e coltivando la speranza di un mondo migliore in cui vige il rispetto, la solidarietà, la gentilezza e l’educazione…con la consapevolezza che ognuno deve impegnarsi a fare, ogni giorno, del proprio meglio.

    Buon fine settimana
    Ciao Ondina

    Mi piace

  • jash

    chi è che NON ha rubato? mi chiedo: quando arriverà il momento in cui i cittadini voteranno esclusivamente per il loro interesse di cittadini? invece di esprimere con il voto la sola preferenza soggettiva ad un personaggio? mica si vota al Grande Fratello! cittadini votate con il solo riferimento al programma elettorale (se c’è)! ciao, scusa lo sfogo…

    Mi piace

    • lois

      Che ci sia (tristemente ancora è nonostante tutto in corso) una ruberia trasversale ed una collusione a tutti i livelli è fuor di dubbio! Quello che credo sia intollerabile è l’attacco alla Giustizia solo per difesa personale e soprattutto che diventi tutto così spudoratamente sfacciato! Ancora oggi (29 marzo!!!) il signor B. Chiede un rappresentante al colle che possa “tutelarlo”!! Ma stiamo scherzando?
      Ma la Legge non dovrebbe essere uguale per tutti?
      Sul concetto di Democrazia del voto poi sfondi una porta aperta, andare a farsi prendere in giro (da tutti) per mettere una X su questo o su quello….
      Ben accetto il tuo sfogo.. Io sono incazzato nero!

      Mi piace

      • jash

        la penso diversamente…

        Mi piace

      • lois

        È il bello della democrazia! Ciascuno può esercitare il proprio ruolo e sostenere le proprie scelte! Resta di fatto che alcune -forse- sono scelte migliori! Ma allo stato attuale, nell’impaludamento in cui ci ha no condotto (e a queste condizioni!) nessuna scelta fatta, puó definirsi “azzeccata”! Purtroppp per noi!

        Mi piace

  • Nicoletta De Matthaeis

    Come direbbero a Roma: “nun fa ‘na grinza”!!

    Mi piace

  • marco

    Più che fratelli forse sono dei figli unici, figli di un Paese che non ha mai fatto i conti con la sua storia…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: