Il grande Porcellum

contadini

Il cavaliere B dice che il tecnocrate M non capisce niente e che siccome ha uno stipendio non può sapere come si amministra. E poi l’altro, il signor B dice che M è fuori centro e che il cavalier B è fuori di testa. E allora arrivano gli altri, quelli Verdi che ritengono amici tutti quelli che escluderanno M dai giochi. E poi nel bel mezzo arriva C, quello che dove si vince lì lo trovi, quello che per lui è il centro che fa “movere il sole e l’altre stelle”, quello che se domani M si dovesse spostare e il cavaliere B diventasse il centro, lui ci starebbe sempre, per diritto! E allora poi ci sono quelli che non hanno ancora chiare le idee e aspettano la fine per buttarsi un po’ di qua e un po’ di la. E poi il cavaliere B dice che non pagheremo più niente che rivedremo il sole e ci sarà più amore per tutti e più soldi per fare shopping e per uscire con le figliolette che si agghinderanno facendoci scordare di M. M invece dice che ci farà il bis, lui o entra in primis o non ci vuole fare niente. Lui che doveva tornare a fare il professore e che guai ad usare il suo nome che poi lo ha messo anche nel logo. E infine è riapparso pure F che uno se l’era pure dimenticato, e che per non finire a niente s’è buttato tra M e C.

E noi? Noi siamo nel mezzo di un fiume in piena che ci sta travolgendo e che ci sta trascinando più di prima. E noi che ci siamo veramente scocciati di M, di B, dell’altro B e di C e di tutti quelli il Porcellum se lo sono tenuti perché fa comodo a tutti, pure a quelli che le primarie le hanno fatte a capodanno e che si candidano un po’ ovunque tanto poi alla fine sempre loro decidono chi e cosa!

E adesso allora non ci resta che aspettare la fine di febbraio e tutto quello che ne verrà. Bianchi, rossi, gialli, verdi e quelli che di tinte ne faranno ancora. E nuovamente ascolteremo che tutto è così perchè “quelli di prima” hanno fatto macelli e che loro ora non potranno che chiudere i buchi e poi si vedrà. E allora B (quello che perde) temerà nuovamente quelli che mangiano i bambini e forse si richiuderà a far festa. Allora F e C ribusseranno alle sue porte, burlesque meglio che niente, mentre M dirà che la catastrofe l’avremo scelta noi. Noi, che se solo ci facessero parlare, li avremmo mandati tutti a zappar la terra, che ce n’è bisogno, perchè le industrie chiudono e noi dobbiamo ritornare a concimare e a coltivare l’orto, perchè tutti quelli (che stranamente per iniziale hanno solo consonanti) ci hanno prosciugato e tolto pure l’aria.

Annunci

Informazioni su lois

https://assolocorale.wordpress.com Vedi tutti gli articoli di lois

25 responses to “Il grande Porcellum

  • gelsobianco

    Lascio un commento velocissimo. Sono malata.
    Il tuo post è, al solito, lucido e validissimo ad iniziare dal titolo.
    La fotografia è splendida e fa pensare…
    Grazie, lois.
    Ritorno.
    gb

    Mi piace

  • semprevento

    Bello che sei..
    scritto e pensato da quando ti leggo.
    …………..boia deh……
    vento

    Mi piace

  • labambinacolpalloncino

    il senso di CAOS è perfetto anche in questo post che, a differenza di quelli che solitamente scrivi, ho avuto difficoltà a leggere… ovviamente non è colpa tua perché rappresenta la reale fotografia della nostra realtà 😦

    Mi piace

    • lois

      In effetti anche M che poteva (con tutte le sue stangate) apparire la figura con più rigore, si è “buttata” senza se e senza ma nel circo mediatico e nelle fantasiose promesse che da anni ormai contraddistinguono i nostri politici e affonda le nostre giornate!

      Mi piace

  • in fondo al cuore

    Hai dimenticato gli arancioni di I……..peccato che non ci siano i viola, è il mio colore preferito……Tutti bravi e tante parole prima delle elezioni……chissà come mai quando sono al governo non fanno una cippa di quello che dicono!!!!!
    Vabbè……speriamo si scelga il male minore!
    Buona domenica!

    Mi piace

  • italianamentescoretta

    che poi io, alfabeto a parte, l’orto, lo concimerei pure da oggi…
    che i numeri, e la velocità, e la fame di soldi e di caos, m’hanno rotto i coglioni!
    che prima pensavo di dover arrivare chissà dove…
    che guardavo la tv e leggevo i giornali, e mi sentivo sempre inadeguato…
    che oggi pagherei per tornare indietro… e sognare cose semplici… come l’orto, appunto!

    Buongiorno Lois!

    Mi piace

  • dafnevisconti

    efficace, efficace il tuo posto Lois!
    la logica è stringente, in fondo tutto torno, di nuovo..che noia

    Mi piace

  • penna bianca

    Mamma mia come farò, come faremo. Sai che per la prima volta in vita mia ho pensato di non andare a votare il 24 febbraio? E lo dico con profondo dispiacere e tanta tristezza. Il tuo post dice tutto.

    Mi piace

    • lois

      Anche io ho questa gran voglia di disertare, sono 15anni che voto col naso turato! Ma non-votare che è un diritto, potrebbe farmi sentire in colpa e poi pensare che C possa assumere un ruolo nel nuovo governo mi sconvolge! Mi riotturerò il naso, ma questa sarà l’ultima chance che offrirò a quello che una volta consideravo il mio partito di fiducia! La fiducia oggi la riservo solo a poche persone, quelle che la meritano davvero!

      Mi piace

      • gelsobianco

        Apprezzo molto questa tua risposta, lois.
        La fiducia solo a pochissime persone, quelle che la meritano veramente.
        Indovinatissima la tua espressione “Mi riotturerò il naso”.
        Farò anche io così.
        Ancora complimenti per quello sche scrivi e per il modo di far giungere le tue giustissime idee al lettore.
        Grazie:-)
        gb

        Mi piace

      • lois

        Grazie sempre a voi di leggermi e a te di essere sempre molto attenta e riflessiva

        Mi piace

  • Ralph Magpie

    Attenzione solo a non cadere nella logica del “tanto non cambierà mai nulla” e quindi aspetto con rassegnazione: è questo il loro obiettivo.
    La favola del colibrì e della goccia d’acqua la ricordate?
    Per chi non la sapesse : http://www.365giorni.org/colibri/?page_id=3

    Mi piace

    • lois

      Caro Ralph, sicuramente il nostro scoramento costituirà la loro forza. Ma tu lo sai meglio di me, B, Bbis, M, C, F e tutta la parte restante della banda che cosa sta promettendo? Quello che avrebbero potuto fare e non hanno fatto nel tempo in cui avrebbero dovuto! M, ha twittato (va molto di moda), che se fa il bis, per prima cosa cambierá la legge elettorale!!! Ma non lo poteva fare in questi dodici mesi? E l’altro B, quello meno stupido, perchè so candida capolista in più regioni? Il Porcellum c’è tanto vale usarlo!!
      Quello del colibrì è un grande esempio, ma con la squadra che si è schierata (con volti che vedo da trentanni!!) mi viene da pensare che questa volta se ne volerà verso cieli più limpidi!

      Mi piace

  • mariella54

    Caro Lois ,lo so mi tirerò dietro le ire di tutti però lasciami dire questo :Mha messo delle gran tasse perchè B stava mandando in malora l’Italia ecc ecc .in mezzo a questo macello gli Italiani non ce la fanno più .Allora ditemi secondo voi se veramente gli italiani stanno cosi’ male per via delle forti tassazioni che abbiamo avuto da un pò di anni a questa parte.In montagna la gente a sciare ci va lo stesso ,in questo periodo è tutto pieno e lo sapete anche voi quanto costa andare a sciare tra attrezzatura e soggiorno ,I viaggi all’estero quest’anno sotto Natale sono aumentati ,non lo dico io ma i giornali e la tv .I bambini a Natale hanno ricevuto di tutto e di più non penso che nessun bambino abbia ricevuto un regalo ,uno o due e non di più ,non per dire le solite cose ,ma quando quelli della mia età erano bambini il massimo dei regali erano si o no 2 o tre massimo ,eravamo felici ugualmente non ci mancava niente ..Ora è tempo di saldi ,ci sono le file fuori dai negozi. che poi i saldi siano tutta una montatura penso che lo sappiamo tutti ,l prezzi vengono gonfiati prima cosi’ il prezzo di saldo è il costo effettivo ,altrimenti i negozianti come pensi che facciano a far quadrare i conti a fine stagione?Per finire i ragazzi giovani ho notato che hanno tutti i telefonini ultimo modello ( compreso i miei )Mia cognata è andata al mare sul ligure ,tutto pieno ! Allora ,stiamo cosi’ male ?A me sembra che abbiamo fin troppo ed anche se dobbiamo rinunciare a qualche cosa si rinuncerà al superfluo e cominceremo a dare valore alle cose necessarie ,cominceremo a imparare a far funzionare il cervello per riparare le cose prima di gettarle a mettere in moto l’inventiva ,sapessi quante cose preferiamo buttarle via piuttosto che reciclarle Io nel 2012 ho notato che ho comperato qualche vestito in meno ed allora?Sono stata cosi’ male ?Non penso anzi mi sono accorta di aver sfruttato di più i miei abiti per fare un esempio ,.da un paletò ho ricavato una giacca ho fatto delle modifiche ad una vecchia gonna che intendevo buttare via ed adesso la sto indossando vuoi mettere la soddisfazione!Non parlo solo di me ,ma sai quante persone fanno tutto ciò ?Non è che questa crisi ci sta facendo imparare a vivere con più semplicità ?non ci starebbe male se imparassimo anche a essere più caritatevoli con chi ha meno di noi ,se ci fermassimo a pensare ci accorgeremmo che abbiamo più del necessario per vivere . questo non lo dico per gli altri ma vale anche per me e per i miei figli Ciao Lois

    Mi piace

    • lois

      Che tutto sommato ci sia un benessere ancora in superficie lo credo anche io. Gli esempi che fai sono tutti calzanti e concreti, sono sotto gli occhi di tutti. In questi giorni tra capodanno e la befana (per non parlare di dopo Natale), la città era abbastanza vuota. Ho viaggiato un giorno in autobus ed il percorso casa lavoro che abitualmente dura anche tre quarti d’ora, è stato fatto in meno di dieci minuti! C’è qualcosa allora che non torna. Anche io utilizzo le cose che ho e faccio a meno di fare spese superflue, ma come dici tu, gli smartphone nei negozi sono spariti (e parlo di quelli di 900 euro!!). E allora quello che io dico e che auspico, è un ritorno all’austerità, intesa come semplicità, volontà di essere essenziali nelle futilitá e più concreti nel quotidiano e nelle relazioni. Quello che vorrei è una classe politica più seria e meno sfacciata, in grado di assumere e sentire il ruolo che ricoprono. Invece c’è tanta ipocrisia, a destra e sinistra, che sembra una sfida contro chi oggi sta veramente soffrendo. E come al solito sono sempre le classi più deboli: gli operai e i pensionati che non possono scegliere di non pagare le tasse. Non credo sia impopolare quello che dici, è una presa oggettiva di coscienza che tutti dovremmo fare per comprendere veramente quali siano le svolte da fare!
      Buona serata

      Mi piace

  • esercizidipensiero

    io non lo so, ma sono sempre più a favore di una moderata violenza. una volta non l’avrei detto, ma a parlare qui, non ci ascolta nessuno mi sa. via via rivoltiamoci.

    Mi piace

    • lois

      io credo invece che qualcuno inizia a sentirci. Lo credo anche io ci sono tutte le premesse per una rivoluzione… forche e gambe in spalla. Questi ci prendono solo in giro e tutto ricomincerà tristemente e miseramente daccapo!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: