Bianca emergenza e complotti

C’è mezza Italia (probabilmente più) sotto la neve. Il Molise, gli Abruzzi e la Puglia in questo momento sono isolate, l’Emilia è ghiacciata, la Sicilia pure è imbiancata a Trieste soffia la Bora a 150km/h e molte località sono letteralmente sommerse da metri di bianco e per venerdì sono previste nuovamente nevicate abbondanti. Purtroppo siamo di fronte ad un’ondata di maltempo eccezionale, ma come al solito in Italia, tutto quanto diventa sempre più disastroso del dovuto. È un continuo rincorrersi di notizie di emergenze. È un bollettino di guerra quello che quotidianamente passa ad ogni edizione del telegiornale.
Quello che è peggio e che da giorni, purtroppo (e ne avremo ancora per molto… come credo sia prevedibile) si rimbalzano responsabilità e si arriva finanche a parlare di complotti! È mai possibile che ogni sacrosanta volta che nel nostro Paese c’è un problema dobbiamo poi assistere a queste scenette deplorevoli e tristi, soprattutto poi di fronte ai problemi reali che si devono affrontare? È sempre la stessa storia. Cambiano i protagonisti ma ci sono sempre gli stessi attacchi. In questo Paese non c’è mai quel valore di unità che poi tutti fintamente festeggiano ed acclamano. Quello che non c’è in Italia è proprio la fattività e la collaborazione che occorre per poter affrontare sempre le emergenze che da noi assumono sempre un’entità più grande di quella reale. Abbiamo il sindaco di Roma che inneggia al complotto e la Protezione Civile senza mezzi, le autostrade bloccate e i Comuni senza sale. Come se non bastasse poi, ieri abbiamo (credo tutti!) sorprendentemente letto che l’esercito per aiutare la popolazione e i comuni in difficoltà ha un costo. Ebbene si, ha un listino prezzi, per gli uomini e per le macchine da mettere in campo. Ci sono dei costi che i Comuni già disastrati dalle abbondanti nevicate dovranno sostenere per superare l’emergenza e, in alcuni casi, per tirare fuori dalle case, anziani che sono rimasti completamente sepolti dalla neve. Il Governo ha però poi subito corretto il tiro, accollandosi le spese e pagando di tasca propria (che è poi diversamente sempre la nostra) l’esercito.

Sinceramente questa cosa non la capisco.
È una situazione di emergenza, perché mai l’Esercito deve essere pagato per aiutare in un momento di difficoltà? Non credo che gli uomini impegnati siano stati sottratti a manovre militari o a incarichi di maggior importanza… ma forse ora viene fuori il mio animo da pacifista e quindi è meglio non andare oltre, potrei non aver compreso tutte le logiche dietrologiche che a noi poveri umani sfuggono.

Annunci

Informazioni su lois

https://assolocorale.wordpress.com Vedi tutti gli articoli di lois

10 responses to “Bianca emergenza e complotti

  • hetschaap

    Ogni cosa, purtroppo, ha un costo. Al di là dei soldati che, in ogni caso, devono essere pagati per la trasferta (un discorso è lo stipendio che percepiscono per stare in caserma a fare esercitazioni ed un altro quello che percepiscono per spostarsi chissà dove in missione, e non importa se civile o militare) c’è il costo dei mezzi e delle operazioni. E’ chiaro che da qualche parte questi soldi devono arrivare. I militari non sono volontari ma svolgono un lavoro, sempre e comunque. Che questi soldi arrivino dai Comuni o dallo Stato poco importa. Come dici giustamente tu sono sempre soldi nostri.

    Mi piace

  • bumpyescape

    Credo che ci sia qualcosa di bello ed ammirevole in queste tragedie: le persone normali, tipo quelle che fanno il giro delle stazioni lasciando sacchi a pelo ai senza tetto o che comunque si rimboccano le maniche e in silenzio danno una mano concreta.
    I volontari, coloro che contrastano le polemiche e i rimbalzi di colpe con l’azione.
    Non ho mai capito cosa non vada in questa Italia, quale sia il primo male della politica, quello che se si potesse estirpare alla radice cambiaerebbe il volto a questo paese che per fortuna si salva grazie a talenti che seppur travestiti da pagliacci hanno incantato il mondo intero..

    Mi piace

  • in fondo al cuore

    Allora ti confermo che è assolutamente vero, perchè ne ho la certezza, l’intervento dell’esercito è a pagamento, ancora non sappiamo se dovremo pagarlo direttamente noi come Prefettura o se verrà pagato direttamente dal Ministero dell’Interno, comunque saranno pagati. Per il resto devo dirti che qui da noi la situazione è stata critica nei primi giorni non perchè “hanno dormito” o non avevano il sale…..ma solo perchè in un giorno ne ha fatti 60 cm ininterrottamente….questo ha bloccato i mezzi pubblici perchè nonostante siano intervenuti subito sono riusciti a liberare, inizialmente, solo le strade principali un pò alla volta….i miracoli è difficile farli per chiunque, come pensare che possano liberare tutte le stradine secondarie…..molti, come noi, ci siamo attrezzati e ci abbiamo pensato da soli a farci il percorso da casa alla strada. Attualmente ti dico che gli autobus hanno tolto persino le catene perchè le strade principali sono perfettamente pulite e senza ghiaccio, e in totale, ne ha fatto poco più di un metro. I disagi sono stati causati dalla enorme quantità di neve caduta in breve tempo, e non dalla incompetenza….questo per quanto riguarda Forlì…..altrove non sò.

    Mi piace

  • mondidascoprire

    Le situazioni di emergenze hanno sempre un costo in termini umani e di denaro, e fanno emergere i limiti e le difficoltà esistenti dello stato, la sussidiarietà aiuta ma non basta . E anch’essa è priva di sostentamento.
    Siamo senza parole..

    Mi piace

  • Mi....semplicemente

    che dire…questa è l’Italia 😦

    Mi piace

  • icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  • ironiaprimaditutto

    é vero, in italia diventa tutto più disastroso del dovuto. Non c’è lungimiranza, è questo il punto secondo me.

    Mi piace

  • lois

    Ho letto con attenzione tutti i vostri commenti, c’è quello poi di Silvia in diretta da uno dei luoghi disagiati. Che ci siano aiuti e cooperazione ben venga, mi sembra veramente però assurdo che si debba pagare un ulteriore spesa per l’esercito (che sicuramente in genere è pagato per fare altro) e soprattutto vedere ancora una volta i nostri governanti che placidamente se ne lavano la mano giocando a rimpiattino. Questa è la cosa peggiore che arriva sempre e puntale come un orologio all’indomani di ogni evento nefasto che accade nel nostro paese. Per fortuna c’è sempre un rovescio della medaglia… e come al solito l’aspetto più bello e migliore è quello della solidarietà e dell’aiuto delle persone comuni e dei volontari che (per fortuna) non mancano mai. È questa una delle cose del nostro Paese che non si può negare e che in molti ci invidiano.
    Ecco, i nostri politici dovrebbero prendere esempio da loro.

    Mi piace

  • mariella54

    Ciao Lois,ho letto con attenzione l’argomento ,sono d’accordo con Silvia ,i miracoli non li fà nessuno non si può arrivare d’apertutto da quanto ho visto in televisione mi sembra che si siano dati tutti da fare, è talmente tanta la neve che per forza i disagi sono molti.Io non voglio parlare male dell’Italia perchè tra terremoti ,innondazioni e adesso nevicate fuori dal comune mi sembra che bene o male tutti si danno da fare ,certo ci sono dei costi d’altra parte i militari devono mangiare devono alloggiare da qualche parte,i mezzi hanno bisogno di benzina e di manutenzione e chissà quAle altre cose che noi non sappiamo certo poi ci sono gli approffittatori quelli che rubano il sale e che aumentano i prezzi sulle catene e le gomme per la neve ma quella è tutta un altra categoria che non stò a dire.Ciao

    Mi piace

    • lois

      Certamente si è trattata della nuova emergenza “eccezionale” e ben vengano le catene di solidarietà e gli aiuti dei volontari. Trovo solo che pagare l’esercito mi sembra una forzatura che poco ha a che fare con lo spirito solidale. Mi rendo conto che il compito dei soldati non è quello di spalare la neve, ma sinceramente mi sembra l’ennesima speculazione.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: